Le erbe aromatiche

admin

Nella preparazione del giardino e dell’orto alla primavera, non dimenticate di lasciar spazio anche per alcune erbe aromatiche.

Oltre che poter essere usate in cucina per insaporire o speziare le pietanze, alcune di esse creano anche effetti positivi alla coltura degli ortaggi, arricchendo il terreno o preservando le piantine da insetti nocivi: tali associazioni sono molto importanti in particolare per chi coltiva un orto biologico, perché difendono le piante senza l’uso di pesticidi.

Alcune di esse sono a ciclo annuale, come il basilico e il prezzemolo ad esempio, e vanno pertanto riseminate ogni anno. Molte altre invece sono perenni e una volta piantate germogliano di nuovo ogni anno, come ad esempio la salvia e il rosmarino che non temono il freddo invernale.

Queste piante possono essere coltivate in ogni orto o giardino, non richiedono particolari attenzioni se non di essere annaffiate con regolarità e per la loro versatilità, se non si dispone di terreno, possono essere coltivate anche in vaso.

Si dividono in 4 tipologie, a seconda dell’utilizzo:

  • Aromatiche da foglia, come il rosmarino, il basilico, la salvia, il timo, l’aneto ad esempio. Si chiamano così perché in cucina si utilizza solo la foglia e il sapore risiede tutto lì;
  • Aromatiche da fiore, come il prezioso zafferano e la profumata camomilla;
  • Aromatiche da bulbo, come l’aglio o il rafano;
  • Aromatiche da seme, come il coriandolo o il profumato pepe di tante tipologie, la senape o il cumino.

Vi aspettiamo per consigliarvi al meglio la composizione ideale per il vostro orto e per darvi indicazioni su come farle fiorire e vivere più rigogliosamente possibile.

Leave your thought